Strict Standards: Non-static method Joomla\CMS\Application\SiteApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/as002034/params.php on line 11 Strict Standards: Non-static method Joomla\CMS\Application\CMSApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/libraries/src/Application/SiteApplication.php on line 275 Strict Standards: Non-static method Joomla\CMS\Application\SiteApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/as002034/params.php on line 27 Strict Standards: Non-static method Joomla\CMS\Application\CMSApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/libraries/src/Application/SiteApplication.php on line 275

Secondo l'accezione moderna più corrente il "fato" è una potenza cieca che incombe sugli uomini, che ad essi si impone facendo sì che si realizzi quel che essi meno vogliono, spingendoli eventualmente verso la tragedia e la sventura.
Da qui il termine "fatalismo", antitesi di ogni atteggiamento di libera, efficace iniziativa. Secondo la visione fatalistica del mondo il singolo non è nulla, la sua azione, malgrado ogni parvenza di libero arbitrio, o è predestinata o è vana e gli avvenimenti si svolgono obbedendo ad una potenza o ad una legge che lo trascende e che non lo tiene in alcun conto.
"Fatale" è un aggettivo che, prevalentemente, ha un significato negativo: esito "fatale", un incidente "fatale", l'ora "fatale della morte, e via dicendo.

Secondo la concezione antica, il fatum corrispondeva invece essenzialmente alla legge dello sviluppo del mondo; legge che, a sua volta, non veniva pensata cieca, irrazionale e automatica - "fatale" nel senso moderno - bensì come piena do senso e come procedente da una volontà intelligente, soprattutto da quella delle potenze olimpiche.
Il fatum romano rimandava, come il rta indoeuropeo, alla nozione del mondo come cosmos e ordine, in particolare a quella della storia come uno sviluppo di cause e di eventi riflettente significati superiori.
Le stesse Moirai della tradizione ellenica, benché presentassero alcuni aspetti malefici e inferi (che risentivano di culti pre ellenici e pre indoeuropei) appaiono spesso come personificazioni della legge intelligente e giusta che presiede al governo dell'Universo, in certe sue estrinsecazioni.

...

L'espressione viene dal verbo fari dal quale deriva anche la parola fas così come annuncia ciò che sta per avvenire.
IN relazione a questo secondo aspetto gli oracoli, nei quali un'arte speciale tradizionale cercava di cogliere in germe quel che corrispondeva a situazioni in via di realizzarsi, si chiamavano anche fata; erano, quasi, la parola rivelata dalla divinità.

(Julius Evola - L'arco e la Clava)

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

compila i campi sottostanti, compresa la risposta anti-spam

Anti-Spam: Quante sono le dita di una mano? (scrivilo in lettere)