Linee fondamentali della filosofia indiana. Registrazioni audio-video

...
Loading..
ONLINE

Io sono cibo

 

kamandalu

Per leggere questo articolo su sfondo bianco, clicca qui

 

 

Se si considera la vita biologica degli organismi e, in generale, la vita di tutto il Cosmo, si vede che ogni cellula, non distrugge sé stessa - o desidera di essere distrutta - ma, seguendo una legge naturale, dà la sua propria vita per la vita di altre forme; si moltiplica in altre cellule e si trasforma in organismi più complessi.
Non c'è né egoismo, né altruismo, ma una legge di unità, che li supera entrambi.

Da questa realtà, la quale suscita generalmente una visione, diciamo così,   "poetica", di fronte alla quale l'animo umano si sente trasportato in un moto di universalismo filosofico e, nella maggior parte delle volte, "sincretico" non possiamo separare l'altra - diametralmente opposta - nella quale risaltano solamente gli aspetti "distruttivi" e perniciosi  per l'essere umano.
Basti considerare le pandemie che, ricorrentemente, minacciano l'esistenza, in presenza delle quali nuovi virus, pericolosi per la salute umana, sembrano accettare la sfida per la loro sopravvivenza, trasformando sé sessi in una mutazione che sembrerebbe offrire loro un margine di resistenza agli gli attacchi perpetrati dall'uomo, per la difesa della propria salute.

Questa unità, alla quale ci siamo appena riferiti, si manifesta attraverso una generale tendenza alla coerenza, o coesione, una unità di flusso energetico dove "tutto nutre tutto". Il guaio - per esprimerci in maniera volutamente cinica - avviene quando tale "universalismo" si trasforma, ad opera delle religioni, in "proselitismo" ed allora persino il concetto di sacrificio - inteso nell'ottica di Marcel Mauss e, prima di lui, di Emile Durkheim - perde la propria valenza.

Tutte le cellule, tutti gli elementi mangiano e sono mangiati; persino chi digiuna mangia sé stesso per nutrirsi; quella forza vitale che, ad ogni costo esige cibo, lo ottiene attraverso un processo di auto cannibalismo.
Si attua così, paradossalmente, un processo di auto smembramento per salvaguardare e ricostituire, attimo dopo attimo, quella unità indissolubile attraverso la quale può scorrere la vita.

Se vogliamo riferirci al Vedanta, il primo atto creativo nasce dal sacrificio di Purusha - o di Prajapati, a seconda delle varie versioni - che ripropone il primo atto sacrificale. Potremmo quindi affermare che l'Unità è l'essenza di tutti gli aspetti dell'Essere, il quale si manifesta nello spettacolo teatrale, o nella danza della molteplicità delle forme.

Le forme, allora, sono indifferenti (non diverse) e trasmutabili l'una nell'altra, in quanto sono l'Uno che dispiega sé steso nella manifestazione. Le Upanishad, nel loro linguaggio, chiamano la forma più alta di esistenza - ossia dell'Uno - SATCHITANANDA (so di essere tutto) identità fondamentale di tutto l'esistente.
Persino tutto ciò che respiriamo - almeno nella diretta esperienza - è nutrimento comune: essenze vitali, calore vitale, odori, ecc.

Negli amanti c'è desiderio di "divorare", di nutrirsi del respiro, del sapore, della vibrazione intima dell'altro; persino nel suo aspetto più degradato, che è la pornografia, balena in maniera inconsapevole e stordita questa forza, perché non ci si può sottrarre a ciò che è natura comune.
Ma la fame non è solamente di latte, o di insalate, ci nutriamo di idee, concetti, esperienze. PRATIAHARA - l'astrazione dai sensi - si traduce in "opporsi al nutrimento".

Che significato può avere la preoccupazione di riservare ai nostri figli un'alimentazione sana, quando nello stesso tempo li nutriano con spettacoli non necessariamente violenti, ma semplicemente sciocchi?
Tutto è cibo - "AHAM ANNAM" (io sono cibo) è la parola d'ordine della Taittiriya Upanishad di circa duemilaseicento anni fa!

Stampa

Cerca nel sito

Contatti

Monterotondo. Via della Rocca 26

+39 3920715548

yoga@paramarta.it

PRIVACY POLICY

SiteLock

Richiedi informazioni o una seduta di prova

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Copyright © 2020 Centro Yoga Paramarta. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.