previous arrow
next arrow
Slider

Articolo visibile in popup su sfondo bianco: Una importante setta di Yogi: i Kanphata

 

In occidente, quando si parla di yogi, si tende normalmente a riferirsi al seguace dell'omonimo sistema filosofico, il quale si sottopone alle regole standardizzate di quella disciplina che, assieme ad uno stile di vita adeguato, porta all'acquisizione dei poteri [siddhi] ed alla liberazione [mukti] dalla ruota delle esistenze [samsara].

Nel paese d'elezione dello yoga - l'India, per l'appunto - le distinzioni, invece, sono molteplici ed ogni setta rivendica la propria supremazia sulla base delle origini più o meno arcaiche.

I Kanphatâ sono una sotto setta di asceti scivaiti, così chiamati per la loro usanza di incidere le orecchie e di inserire enormi orecchini nei fori.
La parola stessa deriva dai termine sanscrito Kan = orecchio e phata = forato.

 

L'indi moderno lo pronunzia kanfat, per l'abitudine, oramai generalizzata, di sostituire la pronuncia delle lettere "ph" - che in sanscrito corrispondono pressappoco ad una "p" aspirata - con il suono "f" che, invece, nella lingua sanscrita non esiste.

La loro origine è antica e incerta e viene fatta risalire addirittura al periodo anteriore a Gorakhnath, universalmente riconosciuto come capostipite degli yogi, il quale sembra fosse vissuto tra la fine del 14° e l'inizio del 15° secolo.
Questo, infatti, viene considerato dalla setta stessa come riorganizzatore della dottrina, discepolo di Matsyendranath il quale, a sua volta, fu allievo di Adinath, probabilmente il nome mistico di Shiva.

Per questo motivo, il loro comune soprannome è Nath - al maschile - mentre per le donne, che sono ammesse nell'ordine, è, ovviamente, Nathini.

ORIGINE
Un pò di luce su questa origine può essere fatta dallo Hathayogapradipika [lett. "la piccola lanterna sullo hatha yoga] che viene considerato uno dei libri della setta, ed è normalmente conosciuto anche da chi pratica in occidente.
Il testo, infatti, inizia lodando Adinath [il maestro delle origini] ma riconoscendo al tempo stesso la superiorità del Raja Yoga:

"Sia gloria al santo Adinath che insegnò la scienza dello hatha yoga: essa risplende come una scala per colui che desidera salire ala sommità del Raja Yoga"

La stretta vicinanza del sistema Kanpatâ allo yoga, sia di Patanjali [Raja] che a quello delle Upanishad la si riscontra negli elementi che caratterizzano la prassi: chakra, nadi, mantra e pranayama.

Secondo la dottrina di questa setta:

  • Il prana risiede nella zona dell'ombelico ed è sostenuto dal vuoto [shunya].
  • A sua volta il prana vivifica il manas che si trova nella zona del cuore.
  • Il manas è aperto all'influenza della luna [chandra] che risiede nel cielo.
  • Il prana stesso, invece, a quella del sole [surya] ed il vuoto a quella del tempo [kala].
  • Il suono, o parola, [Shabda] risiede nella forma [rupa].

CARATTERISTICHE
I segueci della setta Kanphatâ non seguono le regole della divisione castale, né ostentano pregiudizi sui divieti normalmente imposti dai brahmani: mangiano carne, ad eccezione di quella di vacca e di maiale, indulgono nell'uso dell'alcool e dell'oppio.
Lasciano crescere unghie e capelli.

Il Kanphat yogi afferma di aver rinunciato al mondo, ma non raramente alcuni di loro portano avanti commerci su larga scala, mentre la loro fama è quella di militari esperti.

Altri, errando di villaggio in villaggio, spesso vivono dei proventi ricavati della loro arte di cantori di poemi e di inni religiosi.
Coloro che vivono elemosinando hanno il corpo ricoperto di ceneri, indossano una cintola di tessuto, un lenzuolo color giallo ocra ed un collarino fatto di fili di lana attorno al collo dove è appeso il naad, l'emblema fallico, che assieme alla caratteristica foggia delle orecchie, costituisce il carattere distintivo di questa setta shivaita.

Gli enormi orecchini sono generalmente fatti di agata, di corno o di cristallo e pesano poco meno di centro grammi.
La loro collocazione nelle orecchie rappresenta un vero e proprio atto di iniziazione.

kanphata

 

Il neofita, dopo essere stato rasato e coperto di ceneri, viene investito del tipico collarino fatto di fili di lana, al quale è appeso l'eblema fallico.
Per circa otto mesi dovrà servire il suo guru, seguendo una rigida condotta.
Dopo questo periodo viene ammesso alla foratura delle orecchie eseguita dal guru stesso, che il quel momento rappresenta Shiva Bhairava.

La fenditura è larga quasi due centimetri e mezzo, nella quale vengono inseriti provvisoriamente dei bastoncini di nim [usati spesso anche nella pulizia dei denti].
Quando i tessuti si sono ristabiliti, al neofita vengono conferiti gli orecchini e, per il suo nuovo "stato", riceve un altro nome che termina con la desinenza nath. A quel punto diviene uno yogi regolare.

 

kapali

Stampa

Image is not available
Corso di Massaggio Ayurvedico
Abhyangam

Inizio: Ottobre 2019
La formazione prevede dieci incontri mensili (sabato dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00)

Video di presentazione
caratteristiche principali
Image is not available

Durata del Corso

Dieci mesi con una frequenza mensile:
Sabato dalle 9,00 alle 13,00 - dalle 15,00 alle 19,00

Image is not available

Cinque materie di studio:

- Origini e storia. Ayurveda Moderno e Ayurveda Globale.
- Principi dell'Ayurveda come scienza della salute.
- Tecniche di massaggio.
- Asthanga Hridaya (uno dei testi fondamentali).
- Principi generali del "Samkhya".

Image is not available
olii ayurvedici

impiegati durante le manualità

Image is not available
Prenotazioni

entro il 10 Settembre, con il versamento di una quota di Iscrizione. Il costo complessivo può essere rateizzato con pagamenti ad ogni incontro, ma non può essere ridotto per assenze non imputabili all'Organizzazione.

Image is not available
Dispense comprese nel costo totale

° Principi dell'Ayurveda
° Tecniche di massaggio
° Capitoli estratti dall'Astanga Hridayam
° Filosofia del Samkhya

Image is not available
Registrazione della parte teorica

Viene effettuata la registrazione dal vivo della parte teorica e masterizzata su CD, a disposizione degli allievi (compreso nel costo).

Image is not available
Per tutte le altre info

Mobile: 3920715548
email:
yoga@paramarta.it /abhyangam@paramarta.it

Sede del Corso:
Centro Yoga Paramarta
Via della Rocca, 26 - Monterotondo (RM)

Docente

Dr. Libero Gentili Ph.D.

Image is not available
Fondatore e Insegnante del
Centro Yoga Paramarta

Si è formato nella scuola di André Van Lysebeth e diplomato Insegnante di Yoga presso la Confederazione Internazionale Yoga e Oriente di Roma.
Ha conseguito il Doctorate Ph.D. in Letteratura e Filosofia indo vediche.
Ha insegnato presso Case di Reclusione (Rebibbia di Roma) e Istituti di Rieducazione minorile (Casal del Marmo di Roma).
Intraprende regolari viaggi in India conoscendo le varie regioni di quegli Stati, anche attraverso la penetrazione nella vita quotidiana dei suoi abitanti.
Si è introdotto nei villaggi rurali constatando l'interrelazione dei vari "varna" e "jati" locali nelle diverse realtà quotidiane, utilizzando mezzi di trasporto locali, mangiando cibo quotidiano della gente umile apprezzandone le caratteristiche culinarie e la loro tradizione.
Ha ottenuto il permesso di frequentare templi riservati ai soli hindu e la possibilità di documentare e riprendere, con dignitoso rispetto, le cerimonie della cremazione dei defunti sul fiume Gange.

Si è formato nella scuola di André Van Lysebeth e diplomato Insegnante di Yoga presso la Confederazione Internazionale Yoga e Oriente di Roma.
Ha conseguito il Doctorate Ph.D. in Letteratura e Filosofia indo vediche.
Ha insegnato presso Case di Reclusione (Rebibbia di Roma) e Istituti di Rieducazione minorile (Casal del Marmo di Roma).
Intraprende regolari viaggi in India conoscendo le varie regioni di quegli Stati, anche attraverso la penetrazione nella vita quotidiana dei suoi abitanti.
Si è introdotto nei villaggi rurali constatando l'interrelazione dei vari "varna" e "jati" locali nelle diverse realtà quotidiane, utilizzando mezzi di trasporto locali, mangiando cibo quotidiano della gente umile apprezzandone le caratteristiche culinarie e la loro tradizione.
Ha ottenuto il permesso di frequentare templi riservati ai soli hindu e la possibilità di documentare e riprendere, con dignitoso rispetto, le cerimonie della cremazione dei defunti sul fiume Gange.

Si è formato nella scuola di André Van Lysebeth e diplomato Insegnante di Yoga presso la Confederazione Internazionale Yoga e Oriente di Roma.
Ha conseguito il Doctorate Ph.D. in Letteratura e Filosofia indo vediche.
Ha insegnato presso Case di Reclusione (Rebibbia di Roma) e Istituti di Rieducazione minorile (Casal del Marmo di Roma).
Intraprende regolari viaggi in India conoscendo le varie regioni di quegli Stati, anche attraverso la penetrazione nella vita quotidiana dei suoi abitanti.
Si è introdotto nei villaggi rurali constatando l'interrelazione dei vari "varna" e "jati" locali nelle diverse realtà quotidiane, utilizzando mezzi di trasporto locali, mangiando cibo quotidiano della gente umile apprezzandone le caratteristiche culinarie e la loro tradizione.
Ha ottenuto il permesso di frequentare templi riservati ai soli hindu e la possibilità di documentare e riprendere, con dignitoso rispetto, le cerimonie della cremazione dei defunti sul fiume Gange.

Info di contatto
3920715548
abhyangam@paramarta.it
Monterotondo. Via della Rocca 26
Lun - Ven / 9AM - 5PM
Icon
Icon
Image is not available

infiniteideas

Contatti
Tutte le info
Slider

 Orario dei Corsi:

  • Lunedì - Mercoledì - Giovedì - Venedì dalle 19,30 alle 20,45 Hatha Yoga                         

  • Martedì dalle 11,00 alle 12,15 Hatha Yoga - Dalle 18,30 alle 19,45 Yoga in Gravidanza e principianti

 

Chiama 392 0715548 e prenota la tua seduta di prova, oppure compila il form qui in basso!

About us

“Dal 1990 curiamo l'insegnamento di tecniche e percorsi, che l'antica tradizione indiana ha fornito all'uomo di ogni epoca e sotto ogni latitudine. Questo è possibile solo cercando di conciliare la visione moderna del mondo con l'antica Sapienza tradizionale, garantendo a entrambe la libera espressione e la propria capacità interpretativa.”

Contatti

Monterotondo. Via della Rocca 26

+39 3920715548

yoga@paramarta.it

PRIVACY POLICY

Richiedi informazioni o una seduta di prova

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Sample Link | Sample Link | Sample Link | Sample Link | Sample Link |